giovedì  12/12/2019   

 

MASSIMARIO DELLA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI CREMONA

archivio pubblicazioni sentenze dal 11/03/2011 al 13/12/2013

  Ricerca per argomento
Elenco sentenze

 

 

     
 
  Sentenza n. 116/1/12 del 29 maggio 2012

Sezione 1 - Cremona

 
 

 

 

IRPEF - ACCERTAMENTO DA REDDITOMETRO - RESPINTO

 
 
 

Non risulta sufficiente, per vincere la presunzione relativa, produrre la prova dell'esistenza di altre risorse, anche di carattere non reddituale, sufficienti ad acquistare i beni indice e ad affrontare le spese della loro gestione. Si pone a carico del contribuente l'onere di dimostrare, con elementi e circostanze di fatto certi, una capacità di spesa correlata gli esborsi di somme altrimenti non possibili se considerato il reddito dichiarato. Risultano insufficienti le prove giustificative laddove non riescano a dimostrare che le somme a disposizione sono state impiegate per finalità collegate ai beni indice.

 

Presidente: Deantoni Giulio       Relatore: Lazzari Italo Giuseppe

Riferimenti normativi: art. 38 DPR 600/73
 

 

 
 

 

Scarica

 
     
 
  Sentenza n. 139/1/12 del 18 settembre 2012

Sezione 1 - Cremona

 
 

 

 

IRPEF - REDDITOMETRO - PARZIALMENTE ACCOLTO

 
 
 

Non può essere accolto l'assunto del ricorrente secondo il quale il maggior reddito derivante da un accertamento da redditometro può essere ricondotto ad un surplus derivante da accertamenti degli anni precedenti non ancora divenuti definitivi o nemmeno impugnati.E' censurabile invece l'operato dell'ufficio che considera indice di capacità contributiva la conclusione di un contratto di mutuo per l'acquisto di un immobile e il contratto di mutuo per l'acquisto di un'autovettura, in quanto, sia l'uno che l'altro non possono integrare, ai fini accertativi, degli investimenti patrimoniali, quanto piuttosto, delle assunzioni di debito.

 

Presidente: Rizzo Antonino       Relatore: Fornoni Paolo Gianmaria

 

 

 
 

 

Scarica

 
     
 
  Sentenza n. 88.3.13 del 1 luglio 2013

Sezione 3 - Cremona

 
 

 

 

IRPEF - ACCERTAMENTO SINTETICO - ONERE PROBATORIO ASSOLTO DAL CONTRIBUENTE - INESISTENZA DI CARENZA DI MOTIVAZIONI - ACCOLTO

 
 
 

E' annullato l'avviso di accertamento nel quale viene rideterminato in modo sintetico un maggior reddito, se il contribuente fornisce adeguate ed esaurienti prove a giustificazione della capacità di sostenimento dell' acquisto di beni e del loro mantenimento con redditi diversi da quelli posseduti nello stesso periodo d'imposta o con redditi esenti o soggetti a ritenute alla fonte a titolo di imposta; tuttavia in tale circostanza l'Ufficio è esonerato dall'obbligo di motivazione, basandosi il cosiddetto redditometro su parametri fissati in via generale dalla legge che si sottraggono all'obbligo di motivazione, secondo quanto stabilito dall'rt. 3, secondo comma, della legge 7 agosto 1990, n. 241.

 

Presidente: Dott. Vacchiano Massimo       Relatore: Dott. Bottoni Francesco

Riferimenti normativi: Art. 38 D.P.R. 29 Settembre 1973, n.600 - Corte di Cassazione, Sez. VI, 05.09.2012, n.14896
 

 

 
 

 

Scarica

 
   

 

 

© 2014 Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili della Provincia di Cremona

Questo portale è stato sviluppato da CEPAC srl